Cerca

Dizionario

Contenuti del sito

Multimedia

Testi in patois

Documenti

A lenga dou pan nér. La lingua del pane nero

Il pan nér - letteralmente "pane nero" - è il tradizionale pane valdostano, prodotto con un'alta percentuale di farina di segale, che veniva preparato, solitamente una volta all'anno, nei forni comunitari, presenti in quasi ogni villaggio, e conservato nelle tipiche "rastrelliere" per essere consumato durante l'inverno, accompagnato da brodo, latte o brossa.

La cottura del pane costituiva un momento importante, non soltanto dal punto di vista alimentare (in passato il pane, infatti, era alla base della dieta), ma anche dal punto di vista sociale. Le testimonianze d'epoca ci raccontano di occasioni d'incontro, talvolta quasi di festa, tra famiglie, momenti in cui la fatica era alleviata dal piacere di stare insieme.

Per valorizzare questa importante tradizione, domenica 17 luglio, in occasione della 41^ edizione della Féhta dou pan nér di Perloz, l'Assessorato Istruzione e Cultura, presenterà l'evento interregionale Lo pan ner.

Il Guichet linguistique dell'Assessorato sarà presente, per l'intera giornata, con lo stand A lenga dou pan nér. Sarà un'opportunità per scoprire e riscoprire "parole e cose" che caratterizzano quest'antichissima tradizione.

Ritrovate in questa sezione i materiali realizzati per l'occasione! Testimonianze orali tratte dagli archivi del BREL, il lessico degli oggetti legati alla panificazione nei patois di Perloz e di Etroubles e un'interessante scheda tematica sulla cerealicoltura in Valle d'Aosta.

Documenti sonori:

Regione Autonoma Valle d'Aosta
Assessorato Istruzione e Cultura
Archivio BREL
© Tutti i diritti riservati

Illustrazioni:

Henriette Jorioz 

Audio

Sarre, 1982

« Oh, ma che buon profumo di pane nero ! Sì che si sentiva da lontano quel buon profumo e sì che il pane era buono! Avevamo dei bei forni che facevano il nostro pane nero e adesso niente… Pane buono, non ne mangiamo più! »

Courmayeur, 1983

« Il fornaio controlla quando il pane è ben cotto. È sempre la stessa donna che ha fatto il lievito che bussa su ogni pane per controllare che siano ben cotti… »

Cogne, 1983

« …e poi, ogni famiglia faceva cuocere quando era il suo turno… A volte era quasi una festa in famiglia…… »

Québec, 1983

« Il pane, lo facevamo in autunno, nel mese di novembre... »

Challand-Saint-Anselme, 1984

« Perché mangiavamo tutto l’anno il pane duro noi qui, mica il pane bianco… Era già una fortuna avere abbastanza pane duro ! »

Villeneuve, 1984

« Ll’a bièn de dzi, de dzoén-o, on prèdze, on ri… lo ten passe ! »

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti. Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso ai cookie vai alla pagina informativa.

Pagina informativa